GESTIONE CRISI AZIENDALE

Secondo il nuovo art. 2086 del “Codice della Crisi” gli amministratori sono chiamati a dotare l’azienda di un insieme sistemico in grado di garantire la rilevazione precoce degli indizi di crisi. La riforma impone quindi all’imprenditore di avere strumenti in ambito organizzativo, amministrativo e contabile.
Solo così potrà controllare l’azienda, o meglio misurarla, in modo da poter rilevare subito i segnali di crisi, impedendo la perdita della continuità aziendale.
Per continuità si intende il concetto anglosassone di “Going Concern”, ossia la capacità di compiere ogni giorno delle azioni che garantiscano alla propria azienda un futuro migliore. Questa misurazione deve avvenire anche in modo tempestivo: l’imprenditore è chiamato ad attivarsi senza indugio per l’adozione e l’attuazione degli strumenti previsti dall’ordinamento per il superamento della crisi.
In tutti gli studi compiuti nella storia della economia aziendale c’è un solo strumento, validato scientificamente e usato universalmente nella gestione e nel controllo delle aziende, e opponibile anche in tribunale, capace di misurare la continuità aziendale e di presidiare l’insorgenza di crisi: si tratta della Balanced Scorecard di Kaplan e Norton, che non misura i numeri di bilancio ma le azioni che li determinano. L’adozione della Balanced Scorecard, o di cruscotti di controllo ad esse ispirati, fanno parte della strategia più idonea a rispondere alle prescrizioni della legge.

TUTTI I SERVIZI

GESTIONE CRISI AZIENDALE


DUE DILIGENCE


CONTROLLO DI GESTIONE


VALUTAZIONI AZIENDALI


FINANZA AGEVOLATA


ALTRI SERVIZI

RICHIEDI UN APPUNTAMENTO

+39 049 5970601
studiofior@studiofior.com

Via G. Verdi, 4/3
IT – 35013 Cittadella (PD)

7 + 12 =